Sembrano passate dieci vite da quando sono partito con il mio taccuino per Londra, non sapendo assolutamente che sarebbe stato della mia vita. Figurati, avevo 19 anni e prendevo un aereo per andare a vivere nella metropoli mangia-uomini, senza sapere né dove avrei dormito, né se avrei trovato lavoro per viverci, o un amore da vivere. Avevo prenotato solo un letto per tre notti in una camerata da 15 persone a Russel Square. 

Poi un giorno, a New York, uno scatolone marcio nella cantina di un ristorante mi ha ribattezzato. Diceva COLA-NY-COLA…

Ero di nuovo un cameriere immigrato, e mi sembrava che mi descrivesse bene.

Così da NYC è ripartito tutto da 0. NYC-0